Pianosequenza

Guarda ora

4.4

IMDb - Basato su 64 voti

Anno di uscita
Durata
123 min
Lingua originale
Italiano
Paese di produzione
Italy
Attori

È una scommessa e insieme una provocazione. Un lungometraggio girato in digitale che non prevede alcuna operazione di montaggio, un solo lungo respiro che rimane attaccato ai personaggi senza sosta, cattura con l’agilità della telecamera in movimento ogni minimo salto, ogni dettaglio, ogni variazione della fascia espressiva e nell’azione fisica dell’attore. “Pianosequenza” vuole giocare con il tempo e prenderne possesso. Il tempo reale, non il tempo fasullo, il tempo percepito, ed è la rarità, allo stesso modo per l’attore e per il pubblico. Il tema di “Pianosequenza” nasce da una riflessione sul destino e sul destino. Bunuel ha affermato di essere affascinato da come, eventi molto importanti, , vengono per una connessione di destini. “Pianosequenza” ha nel collegamento il suo motore principale. La trama, infatti, prevede dieci personaggi e ne descrive i collegamenti, lasciando che il pubblico possa interrogarsi su un’eventuale possibilità di incontro, di scambio di spunti, di una piccola via, o se tutto questo fosse davvero un ineluttabile destino. “Pianosequenza” è un film basato sull’incomunicabile. Non sono molti gli spunti dei personaggi, solo la cosa sembra avere la profondità grazie alle voci fuori campo e al monologo alla telecamera. La vera espressione è puntata sul personaggio preso nella sua unicità, si dissolve non appena incontra una creatura diversa.